ALGHE E PIANTE MARINE

Le piante superiori (o fanerogame) che vivono nel Mar Mediterraneo sono solo poche specie. Le alghe (tallofite), invece, sono presenti con numerose specie.

La differenza fra le alghe e le piante marine è la seguente: le alghe non hanno le radici, non fanno fiori e neppure i frutti. Sono costituite da un’unica struttura chiamata tallo.

Sia le alghe che le piante marine usano energia solare per il metabolismo; le diverse specie, però, hanno diverse esigenze.

Tallofite o alghe:

alghe rosse e verdiLe alghe verdi e le alghe brune hanno bisogno di luce solare diretta, quindi si trovano solo nelle zone costiere fino a massimo venti metri di profondità.  Le alghe verdi hanno questa colorazione per la presenza di clorofilla a e b nei cloroplasti, le cellule che fanno la fotosintesi.

Le alghe rosse,invece, vivono nelle zone scarsamente illuminate e all’ingresso delle grotte e possono raggiungere fino a cento metri di profondità.  Queste alghe sono di colore rosso a causa della presenza di un pigmento chiamato fico eritrina.

Esistono, poi, alcune forme di alghe incrostanti che ricoprono il fondale roccioso; altre alghe,invece, hanno una consistenza calcarea.

Fanerogame o piante marine:

piante marineLe piante marine, chiamate fanerogame, come le piante terrestri, hanno radici, fusto, foglie, fiori e fanno i frutti. Le uniche piante marine presenti nel Mar Mediterraneo sono la Cimodocea, la Posidonia e due specie del genere Zostera. Queste piante formano grandi praterie sulla sabbia e sul fango a basse profondità.

Le praterie di Posidonia, ad esempio, sono molto importanti perché sono ambienti ideali per un gran numero di animali che qui vi trovano rifugio.

La presenza delle piante marine indica una notevole trasparenza e qualità delle acque; le piante marine contribuiscono, inoltre, alla riduzione del processo di erosione dei litorali rocciosi.