Visita guidata storico-culturale

sanmarino

LA REPUBBLICA DI SAN MARINO, LA PIÙ ANTICA REPUBBLICA DEL MONDO: VISITA GUIDATA

Tra la provincia di Rimini e la provincia di Pesaro-Urbino, in cima al monte Titano, si erge fiera l’antica Repubblica di San Marino,  terra di libertà!
La leggenda fa risalire la fondazione di questa antica Repubblica (la più antica al mondo) al 275 d.C. E’ del 1296, invece, il primo documento ufficiale che certifica l’indipendenza di San Marino.
Da allora di secoli ne sono passati, ma per i Sanmarinesi l’indipendenza è sempre rimasto un bene prezioso da difendere.
Per questo motivo San Marino è stata iscritta nel 2008 nella lista dei siti UNESCO, patrimonio mondiale dell’umanità, “rappresentando una tappa importante dello sviluppo dei modelli democratici in Europa e in tutto il mondo”.
Durante la visita guidata si  andrà, in maniera divertente ma rigorosa, alla scoperta della Storia della Repubblica più antica del Mondo.
Un itinerario che porterà i ragazzi alla scoperta di diversi angoli nascosti del Centro Storico, attraverso un percorso che farà conoscere loro i monumenti simbolo della Repubblica.

Gradara

GRADARA: VISITA GUIDATA

Il piccolo borgo medievale di Gradara con la sua affascinante rocca si erge sulle colline al confine tra Romagna e Marche a 142 m sul livello del mare, dominando la verde campagna circostante.
Ricca di fascino, storia e leggende la Rocca di Gradara, una delle strutture medievali meglio conservate e più imponenti d’Italia.
Gradara era un tempo parte di un sistema difensivo di castelli che comprendeva anche quelli di Granarola, Casteldimezzo e Fiorenzuola di Focara, edificati tra il X e il XIII secolo per il controllo del valico della Siligata, area di confine tra la Chiesa ravennate e quella pesarese.
La sua felice posizione a due passi dal mare la rese, fin dai tempi antichi, un importante crocevia di genti e traffici commerciali.
Era considerato un luogo di soggiorno ideale per signori, artisti e letterati.
Grazie alla doppia cinta muraria, i cammini di ronda ed i tre ponti levatoi divenne una fortezza praticamente inespugnabile.

 

Ravenna

RAVENNA: VISITA GUIDATA

SPECIALE SCUOLE

In città si visita la zona dantesca, dove si trova il Mausoleo di Dante Alighieri, spentosi a Ravenna nel 1321: i suoi funerali furono celebrati nell’adiacente Basilica di S. Francesco.
La Basilica di S. Francesco era caratterizzata dalla suggestiva cripta con pavimento a mosaico.
Questa cripta è costantemente invasa dall’acqua a causa del fenomeno ravennate della subsidenza (abbassamento del suolo verso la falda idrica).
La visita guidata prosegue al Battistero degli Ariani, commissionato dal re goto Teodorico.
Teodorico, dominatore della città tra il 493 e il 526 d.C.,fu desideroso di assicurare alla popolazione ostrogota vari edifici destinati alla pratica del culto ariano.
Il Mausoleo di Teodorico è un eccezionale edificio a pianta centrale: si caratterizza per un particolare connubio di motivi artistici riconducibili a culture diverse e per l’imponente copertura, costituita da un monolite del peso di 300 tonnellate!
Dopo il trasferimento in bus si giunge alla straordinaria Basilica di S. Apollinare in Classe.
Fu consacrata nel VI secolo, è una delle più perfette basiliche ravennati per le meravigliose colonne in marmo greco con capitelli del tipo “a foglia d’acanto mossa dal vento”.
Splendida la decorazione musiva del catino absidale e i preziosi sarcofagi marmorei che custodiscono le spoglie degli arcivescovi della città.

RAVENNA CLASSICA: I MOSAICI

Questo percorso presenta i principali monumenti di Ravenna inseriti nella World Heritage List dell’Unesco

La visita comincia con la bellissima Basilica di S. Vitale, voluta dall’imperatore Giustiniano.
Costruita durante l’Impero Bizantino è considerata uno dei massimi capolavori ravennati per l’originalità dell’impianto architettonico, per la ricchezza di marmi, capitelli, pulvini, e per lo splendore dei mosaici.
Si passa poi al Mausoleo di Galla Placidia, al cui interno l’incanto del cielo stellato e la policromia di tutto il rivestimento musivo animano l’immaginazione dei visitatori.
Successivamente si prosegue con il Battistero Neoniano, che colpisce per il movimento ruotante della cupola e per la ricchezza delle tarsie marmoree, degli stucchi e dei mosaici.
Il percorso termina con la visita di S. Apollinare Nuovo: basilica palatina del re goto Teodorico, conserva una delle più estese e mirabili superfici musive esistenti.
In questo itinerario può essere inserita la visita (compresa in un unico biglietto cumulativo) della Cappella Arcivescovile, situata nel complesso dell’Episcopio (IV sec.), dove si visita anche il Museo Arcivescovile, con la celebre Cattedra di Massimiano.

 

Urbino

URBINO,  PERLA DEL RINASCIMENTO: VISITA GUIDATA

Perla del rinascimento, Urbino deve la sua fama nel mondo al Duca Federico da Montefeltro, reggente illuminato che nella seconda metà del ‘400 trasformò il suo casato in una delle signorie più colte e ricche d’Italia.
Il Duca richiamò alla sua corte artisti e intellettuali di prim’ordine, da Piero della Francesca a Giusto di Gand e Pedro Berreguete, da Luciano Laurana a Francesco di Giorgio Martini.
Fu proprio Federico a dotare la città di quel magnificente Palazzo Ducale.
Oggi, divenuto anche Galleria Nazionale delle Marche, svetta sulla vallata con la sua celebre facciata dei torricini.

 

San Leo

SAN LEO: VISITA GUIDATA

San Leo, arroccata su uno sperone roccioso, domina da oltre cinque secoli l’alta Valmarecchia ed è uno dei gioielli dell’arte militare del Duca Federico da Montefeltro.
Divenuta carcere di massima sicurezza dello Stato Pontificio nei secoli bui dell’inquisizione.
Qui venne rinchiuso uno dei nemici storici e ormai leggendari della chiesa, Giuseppe Balsamo, meglio conosciuto come Conte di Cagliostro.
Il suo fantasma, si dice, aggirarsi ancora nella cella in cui trascorse i suoi ultimi quattro anni di vita.
La visita guidata mostrerà anche la Pieve pre-romanica, il Duomo romanico-lombardo, la torre campanaria, la piazza percorsa un tempo anche da San Francesco d’Assisi.
Proprio qui, San Francesco,ricevette in dono La Verna; Dante Alighieri,invece, proprio a questo masso si ispirò per il suo Purgatorio.

 

Rimini

RIMINI:VISITA GUIDATA

Rimini fu il primo insediamento nella Pianura Padana, scelto dai Romani. Questa zona venne scelta perché si trovava  in una posizione favorevole e strategica.
La visita guidata della Rimini romana comincia dal suo simbolo: l’Arco d’Augusto, il più antico degli archi romani ancora esistenti. Venne edificato nel 27 a.C. per onorare Cesare Ottaviano Augusto.
Il percorso prosegue verso la Domus del chirurgo così soprannominata dalla professione dell’ultimo proprietario dell’abitazione.
La Domus ospitava, infatti,  una taberna medica, come rivela il ritrovamento dello straordinario corredo con oltre 150 strumenti chirurgici esposti nel vicino museo.
E’ proprio nella sezione archeologica del museo che è stata ricostruita, a grandezza naturale, la taberna medica della domus.
E’ possibile ammirare lo straordinario corredo del chirurgo fatto di  bisturi, tenaglie odontoiatriche, un ferro per l’asportazione dei calcoli urinari.
Si trova, infine, il curioso vaso a forma di piede che fungeva da borsa dell’acqua calda o del ghiaccio e tanto altro.