Gli Squali: i grandi predatori del mare

Squali: pesci cartilaginei

Gli squali sono grandi predatori e sono i pesci più potenti ed evoluti del mondo marino. Insieme alle razze, ai trigoni e alle aquile di mare appartengono al gruppo degli  elasmobranchi; questa parola significa “branchie a cinghia” e si riferisce al fatto che hanno cinque o sei fessure branchiali ai lati della testa.

Caratteri generali

Gli squali hanno il corpo affusolato, la testa leggermente appuntita e cinque o sei fessure branchiali ai lati della testa. Gli squali possiedono anche un paio di pinne pettorali, pinne pelviche, le pinne dorsali, una pinna anale ed una pinna caudale di tipo eterocerca epicerca cioè con il lobo superiore più sviluppato di quello inferiore. Sono pesci che hanno uno scheletro di tipo cartilagineo; la cartilagine è un materiale molto leggero e flessibile.

Respirazione:

Lo squalo, come gli altri pesci, assorbe l’ossigeno dall’acqua del mare mentre passa dalle branchie. Le fessure branchiali non sono coperte e sono disposte sulla parte posteriore della testa.

Possiedono, inoltre, una piccola apertura, chiamata spiracolo, che si trova dietro agli occhi. Questa apertura ha lo scopo di facilitare l’ingresso dell’acqua nelle branchie. L’acqua passa attraverso la bocca, raggiunge le branchie, sia durante il nuoto che durante la fase di riposo, con un sistema di pompaggio dell’acqua nelle branchie per avere sempre acqua ossigenata. Gli squali non sono dotati di vescica natatoria per facilitare il nuoto, ma usano il loro fegato che contiene una grossa quantità di olio, chiamato squalene, usato per galleggiare al meglio.

La pelle:

La pelle degli squali è ricoperta da dentelli dermici, chiamate scaglie placoidi, che presentano la stessa struttura dei denti. Questa particolare corazza funziona come uno scheletro esterno. La forma e la disposizione delle scaglie placoidi garantiscono allo squalo una grande idro dinamicità e una protezione efficace dai parassiti.                                L’ idro dinamicità  è garantita dalla riduzione delle turbolenze nell’ acqua, durante il nuoto, permessa dalle scaglie. I dentelli dermici, infatti, producono minuscoli vortici che riducono l’attrito nell’ acqua. Inoltre, questa particolare pelle, permette agli squali di nuotare in modo molto silenzioso.

I denti:

I denti vengono sostituiti molto spesso. Gli squali possiedono tre o quattro file di denti che avanzano man mano che l’animale ne ha bisogno. Alcuni squali, quindi, possono perdere fino a 30 mila denti nella loro vita. I denti nuovi si formano, continuamente, dentro la bocca e si spostano dall’ interno verso l’esterno su una sorta di nastro trasportatore. I denti inferiori sono usati per trattenere la preda, mentre quelli superiori vengono usati per tagliare.

Gli occhi e la vista:

Gli occhi sono ricchi di bastoncelli e questo non permette loro di vedere i colori, ma ciò li rende molto sensibili alla intensità della luce. Gli squali hanno, anche, uno strato detto tapetum lucidum. Questo strato si trova sotto la retina ed è fatto da placche argentee. Questo strato restituisce la luce alla retina per stimolare i bastoncelli. La sensibilità alla penombra è aiutata dal tapetum lucidum.  Gli occhi degli squali non sono, quindi, adatti a scorgere dettagli di un oggetto, ma sono adatti a separare un oggetto dallo sfondo.  Alcuni squali,infine, hanno una palpebra, chiamata membrana nittitante, che si solleva per coprire interamente l’occhio e fa da scudo e protezione durante il morso.

Le razze e i trigoni: squali piatti

Le razze e i trigoni, come gli altri squali, sono pesci cartilaginei. Sono costituiti da un corpo depresso, con le pinne pettorali unite al tronco ad una struttura che prende il nome di disco. Hanno ampie pinne pettorali, le fessure branchiali situate in posizione ventrale e gli occhi disposti sulla sommità del capo.

Questi squali hanno il corpo adatto ad una vita sul fondale; hanno una coda, lunga e affusolata con un aculeo ventrale. A causa delle loro abitudini bentoniche, le razze hanno la bocca in posizione ventrale e si nutrono sul fondo. Le razze, nella bocca, hanno file di denti robusti e acuminati, per trattenere meglio i pesci, i crostacei e i molluschi.

Le pinne pettorali sono come delle ali che permettono la stabilità e i movimenti. I movimenti in avanti sono prodotti, invece, dalla coda ,mediante movimenti orizzontali o laterali oppure con le pinne laterali.

Gli squali piatti sono animali sociali che si riuniscono in grandi banchi con centinaia di individui.